Prossimi Eventi

Cenni Storici - Dall'URAI all'UNAI

Dal Congresso del 14 novembre 1993 l'URAI uscì con un nuovo Statuto e con un programma di espansione a livello nazionale che contemperava esperienze e metodologie sindacali dell'URAI con altre esperienze associative, portate da dissidenti ANAI ANAPI in essa confluiti.

Il 23 dicembre 1993 la metamorfosi veniva codificata da atto notarile e l’associazione adottava ufficialmente il marchio UNAI.

Il programma ambizioso e il criterio di selettività della rinnovata associazione riscossero subito un notevole successo e fecero dell’UNAI il polo di attrazione di altre associazioni che chiesero di federarsi con essa.

Prima fra tutte vi confluì l’ANAPI (Associazione Nazionale Amministratori Professionali d’Immobili) seguì, con patto con-federativo, il CSC (Centro Studi Condominiali), e, a seguito dello scioglimento della ANAI a livello nazionale, nel Congresso di Firenze del 25 novembre 1994, vi confluirono nel 1995, con patto federativo, l’ANAI Sede di Roma, l’ANAI Sede di Brindisi e, da ultimo, l’ANAI Sede di Frosinone.

Le tre Sezioni Provinciali ANAI, citate, con una scissione di fatto, rifiutarono l’autoscioglimento di quella associazione, e, compatte, confluirono nella UNAI, conservando la propria autonomia gestionale e operativa.

A questa prima confluenza, in blocco, di Sezioni Provinciali, seguirono l’adesione singola di altri associati delle disciolte associazioni, oltre a numerosi altri amministratori che si riconobbero e si riconoscono negli ideali di selettività, di professionalità e di rigore che l’associazione promuove e difende.

I primi 35 anni: 1968 – 2003

Il 19 febbraio, un gruppo di sindacalisti iscritti alla CISL e di professionisti romani costituisce l’URAI (Unione Romana Amministratori Immobiliari);

1970 l’URAI assume la denominazione aggiuntiva di “Associazione Sindacale Indipendente”;

1989 modifica della denominazione da Unione Romana Amministratori “Immobiliari a “di Immobili”;

1993 trasformazione statutaria da organizzazione “roma-na” in organizzazione “nazionale” e modifica del nome da URAI in UNAI, (Unione Nazionale Amministratori d’Immobili);

1994 adesione federativa dell’associazione ANAPI (Associazione Nazionale Amministratori Professionali d’Immobili);

1995 l’UNAI è associazione censita CNEL – adesione federativa delle sezioni di Roma, Brindisi e Frosinone della disciolta associazione ANAI (Associazione Nazionale Amministratori Immobiliari);

1996 ampliamento del Consiglio Nazionale – Presidenza Nazionale del Dr. Rosario Calabrese – UNAI nella Consulta CNEL (Consulta delle Associazioni delle Professioni non Regolamentate);

1997 l’UNAI entra a far parte dell’EUAHM (European Union of Apartment House Managers) Sindacato Europeo degli Amministratori di Condominio – adesione dell’associazione ANSAI (Associazione Nazionale delle Società Amministratrici d’Immobili) e dell’associazione ADAPI (Associazione Dipendenti Amministrativi da Proprietari d'Immobili);

1998 l’UNAI entra a far parte del Comitato di Presidenza della Consulta delle Associazioni delle Professioni non regolamentate del CNEL, nella persona del suo Presidente Dr. Rosario Calabrese;

1999 aderisce all’UNAI, con patto federativo, l’Associazione API (Amministratori & Proprietari d'Immobili).

2001 Il 19 aprile, in rappresentanza della categoria, sottoscrive il CCNL per dipendenti da Amministratori di Condominio, con l’ANACI e i sindacati confederali.

2003 35° anniversario dalla costituzione: Parte l’operazione di certificazione degli iscritti UNAI, secondo la Norma UNI 10801, con costi a carico dell’Associazione.

DAL 2003 AI NOSTRI GIORNI: …la storia continua

L'UNAI è una struttura di tipo federativo che annovera al suo interno altre realtà associative le quali, come sopra richiamato, si sono riconosciute nei suoi ideali e nelle sue metodologie operative, improntate alla qualità dei servizi.

Inoltre, in tale ottica, dall'anno 1995, l'UNAI è legata da patto confederativo con l'associazione culturale CSC (Centro Studi Condominiali) e dal 1999 con l’associazione sindacale FENAPI con cui, nel 2001 ha costituito, nelle varie regioni d’Italia, n. 112 CAF (centri di assistenza fiscale).

A coronamento di questa impostazione rigorosa, il 16 febbraio 2006, è partita la certificazione degli iscritti, secondo la Norma ISO-EN 9001:2000, a carico dell'UNAI.

Questa attività intensa e piena di fiori all’occhiello ha portato l’UNAI ad essere presente in tutte le regioni italiane, e ad avere, al 19-02-2003, 35° anniversario della sua fondazione, 97 Sedi (fra Sezioni Provinciali e Delegazioni) e 6.327 iscritti, evidenziando un trend di crescita del 278,7%, medio annuo, rispetto al 23-12-1993 (dieci anni di attività).

Alla data del 19-02-2008, nella ricorrenza del suo 40° anniversario, già presente da anni in tutte le province italiane, contava 7.436 iscritti.

Da allora l'UNAI prosegue vivendo con intensità e impegno la cronaca quotidiana.

Sponsors
Eventi Pregressi
News
UNAI su Facebook.